Quick!

C’è stato un tempo – non è nemmeno poi così lontano – in cui aspettavo un segnale che mi trattenesse dal fare le valigie. You better think to something quick before I don’t love you no more Quick, before I walk out that door Quick ,before it all ends in jeers What a waste of … More Quick!

Le fresie bianche

Sul balcone di casa mia ci sono due vasi pieni di vecchissimo terriccio. Nessuno ha mai voglia di estirpare le erbacce portate dal vento e loro crescono spettinate, inascoltate e invisibili tanto agli occhi quanto alla memoria selettiva mia e degli altri abitanti della casa. Ogni anno, senza che nessuno faccia niente, in quei vasi … More Le fresie bianche

Pilota automatico

Venti minuti a piedi – “ciao bella, come va?” “tutto ok” – metropolitana, scale mobili – non voglio mai più vedere questa stazione mai più mai più  – e poi via Toledo, le macchine che sbucano dai Quartieri, il cuore che batte sempre più forte nel petto sempre più sopraffatto – Buongiorno, uso un attimo il … More Pilota automatico

Quella volta in cui ho quasi ucciso la mia orchidea

O anche: breve storia di come le piante continuino a insegnarmi cose. Durante l’autunno i rami della mia orchidea cominciano pigramente a germogliare per donare alla minuscola frazione di mondo che si intravede dalla mia finestra (e a me, che la finestra ce l’ho davanti) un bellissimo inverno screziato di bianco e viola e giallo. … More Quella volta in cui ho quasi ucciso la mia orchidea